Il Senso della Vita - Al fianco degli Indiani

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Il Senso della Vita - Al fianco degli Indiani

Messaggio Da DaliaNera il Mar Giu 10, 2008 4:26 pm


Nella seconda meta` del secolo passato ci fu un Grande Capo Pellerossa. Si chiamava Seattle ed era un uomo saggio e civilissimo. Ma una stupida ed interessata cultura antropologica, ci ha sempre rappresentato la sua gente con mentalita` barbara e feroce.
Quando, nel 1854, il Grande Capo Bianco di Washington il quattordicesimo presidente degli Stati Uniti, Franklin Pierce, gli propose di vendergli una vasta zona del territorio indiano, promettendo in cambio una "riserva", il Grande Capo Seattle, gli dette una risposta memorabile:

- Capo Bianco di Washington: "Mi vuoi vendere una parte del tuo territorio?"
- Grande Capo Seattle: "Questa idea mi sembra strana. Davvero credi di poter comprare, o vendere, il calore della terra?"
- C.Bianco di Washington: "E perche' no?"
- Grande Capo Seattle: "Ma perche' ogni palmo di questa terra e` sacro al mio popolo. Ogni ago luccicante di pino, ogni riva sabbiosa, ogni lama di nebbia nel bosco oscuro, ogni radura luminosa e ogni ronzio d'insetto e` sacro nel ricordo e nell'esperienza del mio popolo. La linfa che scorre negli alberi reca la memoria dell'uomo rosso.
- C.Bianco di Washington: "Ma io ti riservero` un luogo in cui voi indiani possiate vivere comodamente"
- Grande Capo Seattle: "Cio` non sara` facile, perche' questa terra ci e` sacra. Questa acqua scintillante che scorre nei ruscelli e nei fiumi non e` solo acqua, ma e` il sangue dei nostri antenati. Il mormorio delle acque e` la voce del padre di mio padre"
- C.Bianco di Washington: "Non capisco, Grande Capo Rosso"
- Grande Capo Seattle: "Lo so che l'uomo bianco non capisce i nostri sentimenti. Un pezzo di terra gli sembra uguale ad un altro, perche' egli e` come uno straniero che arriva nella notte e prende dalla terra cio` di cui ha bisogno"
- C.Bianco di Washington: "Questo e` vero, e mi sembra una cosa giusta"
- Grande Capo Seattle: "Ti sembra giusta perche' la terra non e` tua sorella, ma la tua nemica e quando l'hai conquistata vai ancora piu` lontano. L'uomo bianco tratta sua madre, la terra, e suo fratello, il cielo come cose da acquistare, da sfruttare e vendere. Il suo appetito divorera` la terra e lascera` dietro di lui il deserto"
- C.Bianco di Washington: "Ma noi non abbiamo costruito il deserto. Abbiamo e costruiremo grandi citta`"
- Grande Capo Seattle: "Si, ma la vista delle vostre citta` fa male agli occhi dell'uomo rosso.
- C.Bianco di Washington: "Cio` succede perche' l'uomo rosso e` un selvaggio e non comprende"
- Grande Capo Seattle: "L'uomo rosso sa che non ci sono luoghi tranquilli nelle citta` dell'uomo bianco, dove nessuno puo` ascoltare le foglie che crescono a primavera, il ronzio delle ali di un insetto. Il fracasso delle vostre grandissime citta` non fa che insultare le orecchie. E allora Grande Capo di Washington mi sai dire che interesse c'e` a vivere quando non si puo` ascoltare il linguaggio solitario dei passeri o il chiacchierio delle rane intorno ad uno stagno la notte?"
- C.Bianco di Washington: "Grande Capo Rosso, le voci della Natura sono belle. Ma e` bello anche il rumore delle nostre macchine"
- Grande Capo Seattle: "Ma l'indiano preferisce il suono dolce del vento passeggia come una freccia sulla superficie dello stagno e l'odore del vento lavato dalla pioggia di mezzogiorno o dalla resina dei pini. Preferisce l'aria tersa"
- C.Bianco di Washington: "Anche l'uomo bianco preferisce l'aria tersa"
- Grande Capo Seattle: "No, l'uomo bianco non sembra accorgersi che aria respira"
- C.Bianco di Washington: "Non e` vero, perche' noi amiamo la terra. Anche noi sappiamo che essa appartiene all'uomo"
- Grande Capo Seattle: "Ed e` qui che ti sbagli. La terra non appartiene all'uomo, ma e` l'uomo che appartiene alla terra. Cio` che succede alla terra, succede ai figli della terra. Non e` l'uomo che tesse la trama della vita: egli ne e` solamente un filo. Tutto cio` che fa alla terra, lo fa a se stesso. Ogni offesa che lui reca alla terra, lo reca a se stesso. E la reca tanto all'uomo bianco quanto all'uomo rosso"
- C.Bianco di Washington: "Ma tutti e due sono fratelli, o non e` vero?"
- Grande Capo Seattle: "Puo` darsi. Vedremo. Ma c'e` una cosa che noi sappiamo e l'uomo bianco scoprira` forse un giorno, e cioe` che il nostro Dio e` il vostro stesso Dio. Puo` darsi che voi pensiate attualmente di possedere Dio come volete possedere la nostra terra. Ma non potete. Egli e` il Dio dell'uomo e la sua pieta` e` uguale per l'uomo rosso e per il bianco. Questa terra gli e` preziosa, e nuocere alla terra e` coprire di disprezzo il suo Creatore. Anche i bianchi spariranno, puo` darsi piu` rapidamente di tutte le altre tribu`. Voi contaminate il vostro letto, e
soffocherete una notte nei vostri stessi detriti"
- C.Bianco di Washington: "Secondo te, sarebbe quindi cominciata la fine della vita?"
- Grande Capo Seattle: "Grande Capo Bianco, la fine della vita non e` che l'inizio della sopravvivenza".

[Da Il Mattino di Napoli - articolo di Luigi Compagnone]

Cris(acredSpirit)

_________________
avatar
DaliaNera
Moderatore
Moderatore

Maschile
Numero di messaggi : 431
Età : 36
Localizzazione : Castello di Cisterna
Reputazione : 1
Data d'iscrizione : 23.11.07

Vedi il profilo dell'utente http://partenovelox.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum